Alghe in piscina: come intervenire?

alghe in piscina

Per garantire una balneazione sicura è importante pulire e disinfettare l’acqua della piscina con regolarità per prevenire la formazione delle alghe.

La proliferazione di questi organismi vegetali è una delle preoccupazioni maggiori di chi possiede una piscina. Scopriamo insieme le cause, i rimedi e come intervenire.

Quando si formano le alghe in piscina?

Le spore vengono trasportate in acqua sia dal vento che dai bagnanti, tuttavia, se i valori del pH e del cloro sono nella norma, vengono eliminate dalla disinfezione dell’acqua.

È importante fare particolare attenzione in caso di violenti eventi atmosferici, perché se il pH è alto o la clorazione non è sufficiente, in pochi giorni potrebbero proliferare le alghe. Il primo indizio della loro presenza è dato dalle pareti della vasca che diventano scivolose. Se non si interviene tempestivamente, soprattutto nelle piscine esposte al sole, tendono a formarsi rapidamente rendendo l’acqua torbida.

PH in piscina basso: che cosa fare per aumentarlo?

Tipi di alghe

È opportuno conoscere i diversi tipi di alghe per individuare la strategia corretta e intervenire immediatamente.

  • Alghe verdi: sono le più comuni e semplici da eliminare. Galleggiano rendendo l’acqua torbida e si attaccano anche alle pareti e al fondo della vasca;
  • Alghe nere: sono le meno diffuse ma anche le più difficili da combattere. Tendono a macchiare le superfici dove sono appoggiate e formano delle radici;
  • Alghe rosse: sono diffuse all’interno del sistema di filtraggio, la loro eliminazione è facile e non provocano danni alla piscina.

Come intervenire

Ecco alcune indicazioni generali su come eliminare le alghe in piscina. Una delle prime azioni è quella di utilizzare trattamenti di clorazione d’urto per sanificare e contrastare la proliferazione.

Per prevenire è bene monitorare con costanza i valori del pH e nel caso in cui non fossero nella norma, bisogna correggerli. Ricordiamo che il range ottimale è tra 7.2 e 7.6. Un’altra possibilità è quella di utilizzare un’alghicida. In commercio esistono diversi prodotti: prima del loro utilizzo è importante leggere molto attentamente le istruzioni riportate sulla confezione. Una volta introdotto il liquido in vasca, bisogna lasciarlo agire tutta la notte. Il giorno successivo si dovranno rimuovere i residui con un retino o con un pulitore automatico. Se le alghe sono nel sistema di filtraggio, ricorda di fare un contro lavaggio.

Per finire controlla nuovamente i valori del cloro e del pH.

Hai qualche dubbio e/o hai bisogno di aiuto? Affidati ai professionisti di Osnaghi Piscine: siamo a tua completa disposizione.